La Darbia blog

Semel in anno licet insanire

Lun, 6 febbraio 2017
Semel in anno licet insanire
Dicevano proprio così gli antichi Romani per spiegare che nel periodo del Carnevale era consentito impazzire un po’ e lasciarsi trasportare da un’euforia contagiosa. Ancora oggi le tradizioni italiche portano avanti una festa giocosa e irriverente, che si organizza in molte città tra febbraio e m..

Dicevano proprio così gli antichi Romani per spiegare che nel periodo del Carnevale era consentito impazzire un po’ e lasciarsi trasportare da un’euforia contagiosa.

Ancora oggi le tradizioni italiche portano avanti una festa giocosa e irriverente, che si organizza in molte città tra febbraio e marzo, nel mese che precede la Quaresima. Sono famosissimi il Carnevale di Venezia e quello di Viareggio, insieme alle maschere di cartapesta di Cento e alla battaglia delle arance di Ivrea, manifestazioni storiche che richiamano turisti da tutto il mondo.

Ma anche i paesi intorno al lago d’Orta propongono sfilate di carri, maschere tradizionali e irriverenti, musiche e balli con grandi abbuffate. Parate all’aperto e allegri veglioni si svolgono la domenica o il martedì grasso, con contorno di polenta e salamini da mangiare rigorosamente in piazza, mentre la banda suona tra i coriandoli in un clima di giocosa confusione.
Ogni paese ha il suo re o la sua regina, che diventano i veri padroni della città, mentre le maschere tipiche di ogni borgo richiamano la tradizione e la memoria del passato.
Si dice infatti che "a Carnevale ogni scherzo vale", perché si vivono giorni all'insegna della sregolatezza, delle burle, della gioia sfrenata.

Nel Medioevo il Carnevale era il tempo delle scorpacciate e delle danze infinite. Il 're del Carnevale' garantiva l'allegria pazza e la sospensione temporanea delle leggi, delle regole e della morale. I ruoli sociali si invertivano: gli uomini si vestivano da donne e viceversa, i poveri da ricchi, i ricchi da accattoni o da giullari.
Ed è ancora così: ognuno può tornare bambino indossando costumi colorati e spiritosi in una giornata che celebra la spensieratezza e anticipa l’arrivo della bella stagione.

Permettetemi di salutare tutti gli amici della Darbia con i famosi versi di un grande signore del Rinascimento, Lorenzo il Magnifico, che celebrava il Carnevale con queste parole:

«quant’è bella giovinezza
che si fugge tuttavia
chi vuol esser lieto sia
del doman non c’è certezza
»

Il fascino del lago d'Orta: scopri di più

Sab, 10 dicembre 2016

A TORINO SI ACCENDONO LE “LUCI D’ARTISTA”

Anche il New York Times se n’è accorto: Torino, aristocratica città sabauda, merita un posto di primo piano tra le mete italiane che vale la pena visitare.

Lun, 19 settembre 2016

UN MONTE «ORFANO» E UN OLMO SECOLARE

Avete voglia di natura e di trekking? Oppure volete farvi un giretto in mountain bike? Questo itinerario fa proprio al caso vostro!

Mer, 20 luglio 2016

CALDERARA: L’ARTE A DUE PASSI DALLA DARBIA

Lasciamoci ispirare dalla grande arte del maestro Antonio Calderara: vicino alla Darbia ci attende la sua casa-museo ricca di tesori preziosi.

Dom, 12 giugno 2016

HAPPY BIRTHDAY VESPA!

Compleanno importante per lo scooter italiano più famoso del mondo. Allora perché non cogliere l’occasione di farsi un giro in Vespa sulle strade del lago d’Orta?

Lun, 16 maggio 2016

LA MAGIA DI UNA TORRE

La Torre di Buccione domina da secoli la parte meridionale del lago d’Orta e ci ricorda un affascinante passato medievale, regalandoci ancora oggi splendidi panorami sulla corona ..

Ven, 18 marzo 2016

I LOVE SHOPPING ... IN MILANO

Sono molti gli ospiti de La Darbia che decidono di dedicare una giornata delle loro vacanze alla scoperta di Milano. E ne vale davvero la pena.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..