La Darbia blog

IL TRENINO DEL «FOLIAGE» NELLA VALLE DEI PITTORI

Sab, 20 ottobre 2018
IL TRENINO DEL «FOLIAGE» NELLA VALLE DEI PITTORI
L’autunno sui binari della Vigezzina-Centovalli è una vera esplosione di colori e atmosfere dorate, da apprezzare come la tavolozza di un pittore. Tutti a bordo! Si parte! Il capotreno fischia, i portelloni si chiudono, la locomotiva si stacca dalla banchina della stazione, così mi metto comoda e ..

L’autunno sui binari della Vigezzina-Centovalli è una vera esplosione di colori e atmosfere dorate, da apprezzare come la tavolozza di un pittore.

Tutti a bordo! Si parte!

Il capotreno fischia, i portelloni si chiudono, la locomotiva si stacca dalla banchina della stazione, così mi metto comoda e comincio a pregustare lo spettacolo che mi aspetta. Guardo fuori dal finestrino in attesa di un panorama che, soprattutto in autunno, non delude mai. Sì perché il mitico “trenino delle Centovalli” si arrampica in uno dei contesti naturali più belli d’Italia, in un percorso che collega Piemonte e Canton Ticino: 52 chilometri di strada ferrata tra Italia e Svizzera, in un viaggio di circa due ore a velocità moderata per assaporare pienamente, senza fretta, la bellezza del panorama.

Questa antica ferrovia è un vero capolavoro di ingegneria inaugurato nel 1923; si tratta di una linea a scartamento ridotto, attiva 365 giorni all'anno, in grado di regalare emozioni sempre differenti seguendo i ritmi delle stagioni. Come le immagini di un film, sullo schermo del finestrino scorrono scene di natura incontaminata, paesini caratteristici, comignoli e campanili, prati e torrenti, cascate e ponti che varcano vallate profonde. Ma a farla da padrone sono i boschi che ormai sfoggiano con orgoglio i loro colori intensi, allegri, avvolgenti. Nel mese di ottobre tutti gli anni il miracolo si ripete: le fronde degli alberi si trasformano in un caleidoscopio di tonalità calde, un tripudio di sfumature dorate dal potere rigenerante, che ha fatto meritare alla Vigezzo il soprannome di “valle dei pittori”.

Dopo esserci lasciati alle spalle la stazione di Domodossola, superato il fiume Toce su un ponte a travate metalliche, il treno comincia a inerpicarsi lungo i pendii soleggiati coltivati a vigneto. Intravedo subito la torre medievale di Creggio, mentre la locomotiva attraversa boschi di faggio e castagno, si addentra in gallerie naturali o percorre viadotti in muratura. Il treno sosta brevemente nelle stazioni di Coimo, Druogno e Santa Maria Maggiore per arrivare infine a Re, con il suo imponente e scenografico santuario dedicato alla Madonna del Sangue.

E poi giù, lungo il pendio, verso la Svizzera, attraverso il selvaggio Parco della Val Grande, oltre il confine, fino alle sponde del Lago Maggiore. Il capolinea è collocato nell’elegante cittadina di Locarno, frequentatissimo centro turistico molto noto anche per il suo Festival Internazionale del Cinema.
Per trascorrere la giornata non c’è che l’imbarazzo della scelta: possiamo gironzolare tra i portici della bellissima Piazza Grande oppure passeggiare sul lungolago, visitare il Castello Visconteo o la Pinacoteca nel meraviglioso edificio della Casa Rusca, o ancora prendere la funicolare e raggiungere in pochi minuti il Santuario della Madonna del Sasso, da cui si gode una spettacolare vista sulla città. Quando poi calano le prime luci della sera, lo storico trenino blu ci attende in stazione per riportarci a Domodossola e ripercorrere la valle gustando lo spettacolo del foliage alle luci del tramonto.

D’altra parte, come diceva il pittore Van Gogh:

«Finché ci sarà l’autunno, non avrò abbastanza mani, tele
e colori per dipingere la bellezza che vedo»

Il fascino del lago d'Orta: scopri di più

Ven, 22 giugno 2018

PAROLA D’ORDINE? #SHOPPINGTIME

La mania dello shopping ormai ci ha contagiati un po’ tutti e, soprattutto in vacanza, ci spinge a “coccolarci” e a concederci qualche prezioso, meritato, regalo.

Dom, 3 giugno 2018

Sacro Monte di Orta, luogo dell’anima

Sembra di camminare in un angolo di paradiso mentre si passeggia tra i sentieri del Sacro Monte, le antiche cappelle affrescate e le meravigliose piante del parco.

Mer, 16 maggio 2018

Un Eremo a strapiombo sull'acqua

Il vecchio monastero di Santa Caterina dal Sasso, costruito a strapiombo sul lago Maggiore, regala uno scenario mozzafiato.

Gio, 26 aprile 2018

Arona è sempre una buona idea

Una passeggiata coloratissima, una statua colossale e una pattuglia acrobatica che sfreccia sopra il lago sono le sorprese che Arona riserva ai suoi visitatori.

Ven, 13 aprile 2018

Milano, passione navigli

Oggi il cuore pulsante della città si snoda intorno ai canali progettati da Leonardo, tra la Nuova Darsena, le tipiche case di ringhiera e gli atelier degli artisti.

Mer, 4 aprile 2018

Oggi vado di corsa

Eh sì, la bilancia non perdona… dopo le abbuffate pasquali, bisogna proprio che mi rimetta in forma! Sveglia all’alba, abbigliamento tecnico, sneakers, la mia playlist attiva e …vi..

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..