La Darbia blog

Dove la natura plasma la roccia

Lun, 24 agosto 2020
Dove la natura plasma la roccia
Accade agli Orridi di Uriezzo, un vero canyon italiano dove la natura dimostra la sua potente creatività. Pareti lisce e levigate, rocce modellate dall’acqua, tortuosi cunicoli e meandri che mi accolgono nelle viscere della terra: uno spettacolo incredibile quello che mi riservano gli Orridi di Uri..
Accade agli Orridi di Uriezzo, un vero canyon italiano dove la natura dimostra la sua potente creatività.

Pareti lisce e levigate, rocce modellate dall’acqua, tortuosi cunicoli e meandri che mi accolgono nelle viscere della terra: uno spettacolo incredibile quello che mi riservano gli Orridi di Uriezzo, autentici canyon della Valle Antigorio, profonde gole scavate dall’azione dei torrenti che migliaia di anni fa scorrevano a valle del Ghiacciaio del Toce.

Quello che la natura ci ha lasciato è il risultato di un secolare lavoro di erosione, la forza dell’acqua ha plasmato le rocce proprio come le mani di uno scultore, creando cavità separate da strette e tortuose gallerie che oggi possiamo percorrere a piedi. Infatti la scomparsa del ghiacciaio ed il prosciugamento dei torrenti hanno lasciato spazio a un vero e proprio canyon asciutto, una formazione geologica di straordinaria bellezza.

L’«Orrido Sud» è forse il più scenografico: lungo 200 metri e profondo almeno 30, ha forme morbide e colori contrastanti. Le alte pareti sembrano recare le tracce delle scanalature prodotte dal moto vorticoso delle cascate d’acqua. E quando tra le fenditure della roccia si fa strada all’improvviso la luce del sole, la natura rivela tutta la sua maestosità.

Prima di tornare alla Darbia, voglio fare un’altra incredibile esperienza: mi avvio verso Maiesso e raggiungo le cosiddette Marmitte dei Giganti, cavità semisferiche scavate dalle acque del fiume Toce. La violenza impetuosa della corrente, trasportando sabbia e ciottoli, ha abraso la pietra con un lungo lavoro di erosione e ha creato una superficie morbida e sinuosa. Fragorose cascate sono incastonate tra rocce dalle forme tondeggianti, dove il torrente si adagia creando specchi d’acqua di colore verde-azzurro.

Il rilassante rumore del fiume che scorre, l’acqua purissima dai colori intensi, l’effetto delle rocce modellate dalla natura mi fanno perdere la cognizione del tempo: nel momento preciso in cui mi accorgo che è ora di tornare, mi sento completamente rigenerata dal panorama. In luoghi come questo si ha davvero l’impressione che le meraviglie della terra possano trasmetterci la grande energia positiva che sale dal cuore del pianeta.

Il fascino del lago d'Orta: scopri di più

Gio, 6 agosto 2020

Un'estate a tutto lago

Metti un’estate a tutto lago: tuffi, nuotate, escursioni in barca ci attendono, immersioni e sana vita da spiaggia.

Gio, 23 luglio 2020

Una città da Oscar

È Torino la patria del cinema per il 2020, prepariamoci dunque a «un film lungo un anno».

Mer, 8 luglio 2020

A piedi nudi nel parco

Che meraviglia… passeggiare nel sontuoso parco dell’antica dimora Della Porta-Bozzolo: una «villa di delizia» per una giornata deliziosa

Lun, 22 giugno 2020

Tornare a respirare

Oggi più che mai sentiamo il bisogno di rinascere, di tornare a respirare, di recuperare il tempo perduto. Perché ci meritiamo tutti di un po’ di sana e autentica leggerezza.

Lun, 2 marzo 2020

Langhe? Sempre una buona idea!

Una giornata alla scoperta delle Langhe? Facile come bere un bicchiere di Barolo.

Gio, 6 febbraio 2020

PEDALO E SONO FELICE

No, niente Giro d’Italia… solo una confortevole (e confortante) pedalata intorno al lago d’Orta. Grazie al miracolo della e-bike.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..