La Darbia blog

Almeno una volta nella vita

Gio, 30 settembre 2021
Almeno una volta nella vita
Il menù della tradizione piemontese è ormai un vero ‘must’ della Cucina della Darbia. Cultura e non solo cibo. Storia e tradizione. Che incontrano il piacere dei sensi. Mentre osservo lo chef Monfrinotti che si muove con armoniosa sicurezza tra tegami e fornelli, rimango incantata: un balletto di..

Il menù della tradizione piemontese è ormai un vero ‘must’ della Cucina della Darbia. Cultura e non solo cibo. Storia e tradizione. Che incontrano il piacere dei sensi.

Mentre osservo lo chef Monfrinotti che si muove con armoniosa sicurezza tra tegami e fornelli, rimango incantata: un balletto di gesti sinuosi e decisi, accompagnati da un tripudio di profumi invitanti. Nascono così i suoi piatti, dalla passione per i sapori autentici, dalla ricerca degli ingredienti più pregiati, dalla cura dei dettagli.
Voi credete che mi rivelerà qualche segreto del suo straordinario menu? Non penso proprio… ma mi basta poter stare qui ad ammirarlo mentre cura le sue preparazioni. Prodotti genuini e pregiati che si trasformano in piatti d’autore.

Dunque, se siete in vena di golosità, seguitemi: oggi faremo un viaggio nel gusto, alla scoperta dei sapori della tradizione piemontese. E l’inizio non può che essere affidato al celebre vitello tonnato, un piatto storico, che risale al Settecento ma che solo il celebre Pellegrino Artusi formalizzò nel suo trattato di cucina, decretando la presenza di una salsa con tonno, acciughe, capperi e succo di limone ad accompagnare fettine sottili di tenera carne di vitello. Tra gli antipasti la nostra cucina propone spesso anche il sapore deciso del peperone, condito con acciughe e “bagnetto”, una salsa verde e cremosa a base di prezzemolo, capperi e olio d’oliva.

E dei primi piatti, che dire? C’è da sbizzarrirsi… Vera star indiscussa delle tavole piemontesi sono i tagliolini, che lo chef Monfrinotti prepara rigorosamente a mano, impiegando quaranta tuorli d’uovo. Il colore intenso e il sapore profondo della pasta si caricano della spumosità del burro e, perché no, anche di una grattugiata di tartufo bianco. Se poi amate la pasta ripiena, potete provare anche i ravioli con interno di bollito misto, un’accoppiata sempre vincente.
Ma non possiamo parlare di gastronomia piemontese, senza citare la deliziosa “bagna cauda”, simbolo delle nostre tavole con il suo sapore forte e avvolgente. Fin dal Medioevo questo condimento a base di olio, aglio e acciughe ha accompagnato i pranzi delle famiglie contadine, soprattutto nella fredda stagione invernale.

E per concludere «dulcis in fundo» dice il proverbio. E dunque concediamoci il piacere di una fetta di bonet, cremosa delizia con amaretti, cacao e caramello. Oppure lasciamoci tentare da un fritto misto dolce, a base di semolino e arricchito con zabaione.
Mentre lo chef continua a cucinare e a impartire indicazioni alla sua giovane brigata di cucina, scatto qualche foto ai suoi piatti.
Piatti dall’animo forte. Piatti prelibati che sanno di casa, di famiglia, di campagna, di identità. Piatti da provare, almeno una volta nella vita!

Il fascino del lago d'Orta: scopri di più

Gio, 6 agosto 2020

Un'estate a tutto lago

Metti un’estate a tutto lago: tuffi, nuotate, escursioni in barca ci attendono, immersioni e sana vita da spiaggia.

Gio, 23 luglio 2020

Una città da Oscar

È Torino la patria del cinema per il 2020, prepariamoci dunque a «un film lungo un anno».

Mer, 8 luglio 2020

A piedi nudi nel parco

Che meraviglia… passeggiare nel sontuoso parco dell’antica dimora Della Porta-Bozzolo: una «villa di delizia» per una giornata deliziosa

Lun, 22 giugno 2020

Tornare a respirare

Oggi più che mai sentiamo il bisogno di rinascere, di tornare a respirare, di recuperare il tempo perduto. Perché ci meritiamo tutti di un po’ di sana e autentica leggerezza.

Lun, 2 marzo 2020

Langhe? Sempre una buona idea!

Una giornata alla scoperta delle Langhe? Facile come bere un bicchiere di Barolo.

Gio, 6 febbraio 2020

PEDALO E SONO FELICE

No, niente Giro d’Italia… solo una confortevole (e confortante) pedalata intorno al lago d’Orta. Grazie al miracolo della e-bike.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..